Ostrów Tumski 

Wrocław – una passeggiata alla scoperta dei luoghi più interessanti

utworzone przez

Breslavia è una delle città polacche più suggestive. Nonostante le distruzioni belliche, molti monumenti sono stati conservati e molti edifici sono stati restaurati, quindi ci sono molte gemme architettoniche con storie insolite. Vi invitiamo a fare una passeggiata nei luoghi più belli di Breslavia – quelli „imperdibili” e quelli che non sono così scontati.

La parte più antica di Breslavia è Ostrów Tumski, dove nel 985 Mieszko I costruì una delle prime città polacche. Qui si trovano monumenti unici come la chiesa romanica di Św. Idziego, risalente alla prima metà del XIII secolo e collegata da un porticato in mattoni alla sala capitolare del XVI secolo. Questo collegamento è chiamato „Bramą Kluskową”. – perché su di essa c’è un elemento sporgente che assomiglia a uno gnocco.

È associata alla leggenda di Agnese che preparava le più deliziose gnocchi di patate della Slesia, che il marito amava molto. Dopo la sua morte, il povero uomo non mangiò nulla, finché una volta la moglie gli apparve in sogno e promise di preparargli una pentola piena di gnocchi di patate, a una sola condizione: che il marito lasciasse l’ultimo sul fondo. L’uomo, naturalmente, non poté resistere a mangiare l’ultimo, che però non si arrese facilmente: saltò fuori dalla pentola, si accovacciò sul cancello e si fossilizzò lì.

Lanterna a gas

Lanterna a gas

Il museo nell’edificio del capitolo ha un reperto unico, una curiosità per gli appassionati di linguistica – il księga henrykowska, in cui è scritta la frase „Daj, ać ja pobruszę, a ty poczywaj”. – considerata la prima scritta in lingua polacca.

Ostrów Tumski ospita anche la Cattedrale di San Giovanni Battista, la prima cattedrale gotica in territorio polacco, anche se oggi presenta tracce di modifiche barocche e contemporanee. Sulla torre della cattedrale si trova un punto panoramico; i biglietti possono essere acquistati all’ingresso. In questa parte della città si ha la sensazione che il tempo si sia fermato, soprattutto se si incontra un guardiano del faro vestito con un cilindro nero e un mantello. Ogni giorno, al tramonto, accende le 98 lanterne a gas sparse per Ostrów e all’alba le spegne.

All’atmosfera di Ostrów Tumski si contrappongono le isole moderne: Piasek, Bielarska e Słodowa – un luogo popolare per incontri, passeggiate e concerti – e l’isola più divertente, Tamka. L’isola di Piasek è collegata al ponte di Ostrów Tumski, un tempo noto come il ponte degli innamorati. Ma attenzione: dopo la ristrutturazione del ponte, le coppie non possono più appendere lucchetti al ponte per simboleggiare il loro amore – c’è una multa per questo! Questa tradizione continua in luoghi appositamente designati sul viale Włostowica, che si dirama dal ponte.

Interno del Municipio di Breslavia

Interno del Municipio di Breslavia

Sull’altra sponda dell’Oder, la Piazza del Mercato è una tappa obbligata. È un luogo di fiere suggestive (Świętojańskiego a maggio-giugno e il Mercatino di Natale a novembre-dicembre), un insieme di gioielli architettonici, un luogo di incontro – ad esempio nei caffè cult Tajnych Kompletach  o Literatka.

I confini della Piazza del Mercato sono stati stabiliti nel XIII secolo, già allora era il mercato più importante della città. Il commercio fiorì anche nell’adiacente Plac Solny e nella vicina Nowy Targ. Non c’è da stupirsi: due importanti vie commerciali si incrociavano a Breslavia: La Via Reggia, che portava dalla Spagna alla Russia, e la Via dell’Ambra, che si estendeva tra il Mediterraneo e il Mar Baltico.

Sebbene la Piazza del Mercato si estenda su una superficie di ben 40.000 metri quadrati, non è affatto la più grande della Polonia, ma solo la quinta! È fiancheggiata da circa 60 belle e colorate case a schiera e, al centro, dal gotico Municipio Vecchio, costruito tra la fine del XIII secolo e il XVI secolo. Le sue cantine ospitano la Piwnica Świdnicka, uno dei più antichi locali gastronomici d’Europa, che un tempo ospitava celebrità come Johann Wolfgang Goethe e Frederic Chopin.

nano con chitarra

Un nano con la chitarra

La piazza è visibile dall’alto dalla torre della vicina Cattedrale di Santa Maria Maddalena. La passerella che collega le torri è chiamata „Mostkiem Pokutnic”. – Secondo le leggende, vi finivano le donne che preferivano il divertimento a una vita coniugale stabile; tali donne erano spesso identificate con le streghe, da cui l’altro nome della passerella: „Mostek Czarownic”. Dopo aver salito 247 scalini, si può ammirare Wrocław da un’altezza di 45 metri ed è uno dei punti panoramici più interessanti, aperto tutto l’anno. Da aprile a ottobre, la Piazza del Mercato può essere ammirata anche dalla torre di osservazione della chiesa della guarnigione di Santa Elisabetta.

A Breslavia non mancano interessanti esempi di architettura modernista, il più rappresentativo dei quali è la Hala Stulecia, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Fanno parte del complesso anche il Pawilon Czterech Kopuł, che ospita il Museo d’Arte Contemporanea – una succursale del Museo Nazionale di Breslavia – e la Pergola, composta da 750 colonne ricoperte di viti. Esse circondano una fontana multimediale: vale la pena di assistere al suo spettacolo soprattutto dopo il tramonto! Vicino alla Pergola si trova anche l’interessante Giardino giapponese. Il giardino fa parte del Parco Szczytnicki, il più grande della Bassa Slesia.

L'Università di Breslavia di notte

L’Università di Breslavia di notte

Merita una visita anche Panorama Racławicka – il dipinto più grande della Polonia, lungo 114 metri e alto 15, realizzato dagli artisti di Leopoli Jan Styka e Wojciech Kossak e dai loro numerosi collaboratori. Gli artisti hanno trascorso molto tempo a prepararlo, si sono consultati con storici e esperti militari e hanno persino effettuato un sopralluogo nei pressi di Racławice, per rappresentare al meglio il momento della vittoria dell’esercito polacco di Kościuszko sui russi.

 Passeggiando per Breslavia, fate attenzione ai nani che compaiono a ogni passo. Ce ne sono quasi 400, ma il loro numero sta cambiando: ogni proprietario terriero può invitare uno gnomo di questo tipo a casa propria, crearne uno e aggiungerlo alla mappa ufficiale.

Ognuno di loro è diverso, ognuno con il suo aspetto che si riferisce alla storia o al presente di un determinato luogo: possono essere delle guide interessanti!

VOLETE SAPERNE DI PIÙ?

Auguri di Natale

Auguri di Natale

In occasione dell'imminente Natale, desideriamo inviare i più sinceri auguri pieni di salute, gioia e tranquillità interiore. Che l'atmosfera magica...

czytaj dalej