Bogdan Bartnikowski „piccolo” – eroe di guerra e prigioniero del campo di sterminio

utworzone przez

Di coloro che sono sopravvissuti all’occupazione, all’Insurrezione di Varsavia e poi ai campi di sterminio, pochi sono sopravvissuti. Da ragazzo Bogdan Bartnikowski ha conosciuto la povertà, il freddo, la fame e la paura per sé e per i suoi cari. Questi ricordi rimarranno per sempre nella sua memoria.

Sulla base delle sue toccanti esperienze è in corso di stesura un nuovo libro che sarà pubblicato nel corso dell’anno.

Qui in Sardegna abbiamo avuto la fortuna di ospitare il signor Bogdan al Teatro Centrale di Carbonia e all’Istituto „Francesco Ciusa” di Nuoro, dove ci ha raccontato la sua storia. Questi eventi sono stati organizzati per onorare le vittime polacche e italiane dei campi di sterminio nazisti.

I primi anni di gioventù crudelmente interrotti dalla guerra

Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, un bambino di soli sette anni perde in un attimo la sua infanzia spensierata. Il 1° settembre 1939 avrebbe dovuto iniziare la seconda elementare in una scuola primaria di Varsavia, ma il destino decise diversamente per lui. In un attimo ha scambiato la sua spensierata corsa dietro a un pallone con la funzione di ufficiale di collegamento del dipartimento „Gustav”.

Ha combattuto anche a Ochota con lo pseudonimo di „Mały” (Piccolo). Non ricorda molto di prima dello scoppio della guerra, ma il suo corso è perfettamente impresso nella sua memoria.

Il signor Bogdan era figlio unico. Sua madre era una casalinga, suo padre era un impiegato civile presso il Collegio Superiore di Guerra di Varsavia. Nei giorni precedenti la guerra la gente sapeva che stava per succedere qualcosa? Sì. Il padre del signor Bogdan era stato mobilitato qualche giorno prima. Tutti intorno a lui sapevano che questo non era di buon auspicio.

Bogdan Bartnikowski, Magda Wrana

Eventi del 1° settembre 1939 all’alba

Il 1° settembre, già alle cinque del mattino, le prime bombe iniziarono a cadere su Varsavia. La situazione era così pericolosa che i genitori decisero di far fuggire il piccolo Bogdan e sua madre in treno verso la loro famiglia nella regione di Podlasie.

Non è stato un viaggio facile, perché ogni tanto dovevano fuggire nei campi circostanti a causa dei bombardieri che attaccavano il loro treno. Miracolosamente sono riusciti ad evitare danni e dopo molte ore di viaggio hanno raggiunto la loro destinazione in serata.

Bogdan presto tornò a Varsavia con suo zio. Nonostante la paura per le tracce di combattimenti nella capitale, hanno trovato il padre del bambino a casa, in salute. Poi la madre li raggiunse e insieme iniziarono la vita nella Varsavia occupata. Bogdan Bartnikowski riprese gli studi in una scuola improvvisata (l’edificio della scuola precedente che frequentava era stato occupato dai tedeschi). Negli anni successivi la scuola si trasferì più volte e con essa i bambini che vi studiavano.

Bogdan Bartnikowski, Dagmara Górska, Anna Szarzyńska, Magdalena Wrana – Nuoro

La cospirazione attraverso gli occhi di un bambino

Bogdan Bartnikowski sentì per la prima volta la parola cospirazione dagli amici di suo padre nel 1939. I frammenti di conversazioni ascoltate dagli adulti arrivano al bambino, ma sono stati compresi correttamente in quel momento?

Il nostro protagonista non ricorda se il padre fosse o meno nella cospirazione, Sua madre, invece, aveva otto fratelli, tutti nella cospirazione. Hanno dovuto nascondersi, hanno condotto una vita dura e pericolosa.

Durante l’occupazione, il padre del nostro eroe si dedicò al commercio. Grazie alla sua famiglia di Podlasie, ha avuto l’opportunità di importare vari prodotti da lì. Era un’occupazione rischiosa, necessaria per sopravvivere. C’erano giorni in cui tornava a mani vuote perché i tedeschi avevano preso tutto quello che c’era sulla strada.

L’inizio dell’insurrezione di Varsavia e i campi di sterminio

Da ragazzo, il signor Bogdan come venne a sapere della Rivolta, scoppiata il 1° agosto 1944? Lui e i suoi amici videro dei giovani che trasportavano lunghi oggetti avvolti in giornali.

Poi sentivano i sussurri della gente: „Hai visto? Ci sarà una rivolta!”. E dopo pochi minuti furono sparati i primi colpi… Nessuno dormì quella notte. La situazione era inquieta, ma apparve la speranza di libertà, da tanto attesa.

Al mattino, lui e i suoi colleghi corsero dall’altra parte della strada verso l’ospedale improvvisato che era stato creato su due piedi. C’erano già i primi morti e feriti che avevano bisogno di aiuto.

Bogdan, insieme ad altri ragazzi e ragazze, ha aiutato gli insorti. Il ragazzo voleva arruolarsi nell’esercito nazionale, ma fu rifiutato a causa della sua età. Tuttavia, non si scoraggiò e continuò ad accompagnare gli insorti, sostenendoli come poteva. Raccoglieva attrezzature e armi abbandonate dai tedeschi in fuga. Raccoglieva anche lenzuola e medicinali necessari per i feriti.

Gli spostamenti sono stati facilitati da passaggi scavati nei sotterranei degli edifici. In questo modo, il signor Bogdan era in grado di attraversare le distanze fino alla lunghezza di otto palazzi, senza uscire in strada. Per rifornire l’ospedale dei beni di prima necessità ci sono voluti diversi giorni. Nonostante il pericolo e i proiettili che spesso volavano sopra di loro, bisognava andare a soccorrere i feriti.

Bogdan Bartnikowski, Magdalena Wrana, Dagmara Górska w Nebida – Sardynia.

Soggiorno ad Auschwitz-Birkenau e Berlino-Blankenburg

I giorni passarono in questo modo, finché non giunse il momento in cui gli insorti si ritirarono. Gli abitanti di Varsavia furono cacciati dalle loro case dai tedeschi e portati in treno ad Auschwitz.

All’epoca poche persone associavano il campo a quel nome, ma all’arrivo fu chiaro dove si trovavano. C’era un odore molto forte. Poi si sono resi conto che si trattava della puzza del forno crematorio, proveniente dai corpi bruciati dei prigionieri uccisi.

Il signor Bogdan e sua madre sono stati inviati al campo, dopo di che sono stati separati: in un campo femminile e in un campo maschile. Per molto tempo non hanno avuto contatti tra loro. Dopo qualche mese si sono felicemente incontrati di nuovo. Sono stati portati in treno con un gruppo di circa 100 persone a Berlino. Poi dovevano lavorare per liberare la città dalle macerie.

Il ritorno del sig. Bogdan in una Varsavia distrutta

Dopo molte settimane di duro lavoro a Berlino, tra bombardamenti aerei, fame e lotta per la sopravvivenza, arrivò la liberazione. I tedeschi in fuga erano il segnale che le truppe russe si stavano avvicinando. In primavera l’Armata Rossa annunciò al mondo la vittoria con il suo arrivo a Berlino. Alla fine di aprile del 1945 il signor Bogdan e sua madre tornarono a Varsavia.

La città c’era ancora, ma era come se non esistesse. Le macerie e le case bruciate accoglievano terribilmente i varsoviani. L’appartamento della famiglia Bartnikowski era integro, ma inabitabile. Rimasero con la famiglia e iniziarono a ricostruire la loro vita. Il padre del signor Bogdan fudisperso durante la Rivolta; il suo corpo non fu mai ritrovato. Ha subito una morte eroica in battaglia.

Nel febbraio 2017, l’Associazione Culturale Polacco-Sarda e l’ANMIG hanno invitato, tra gli altri, Bogdan Bartnikowski alla commemorazione delle vittime polacche e italiane dei crimini nazisti nei campi di sterminio. Insieme agli altri ospiti invitati, il signor Bogdan ci ha raccontato la sua storia, che è una vera e propria prova dei crudeli crimini contro l’umanità che hanno avuto luogo durante la seconda guerra mondiale.

VOLETE SAPERNE DI PIÙ?

Non solo Lech – Poznań

Non solo Lech – Poznań

Molte persone in Sardegna pensano soprattutto all’associazione sportiva Lech Poznań, ma da quando sono stati introdotti i voli diretti da Cagliari,...

Tradizioni natalizie sarde

Tradizioni natalizie sarde

Un detto molto conosciuto in Italia dice: "Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi". E infatti - anche in Sardegna - il Natale si trascorre con i...