23 maggio – Anniversario del compleanno di Maria Konopnicka

utworzone przez

Noi polacchi la conosciamo fin dall’infanzia come autrice di „O krasnoludkach i o sierotce Marysi”, e qualche anno dopo l’abbiamo scoperta come scrittrice e poetessa di „Rota”. Tuttavia, Maria Konopnicka è stata anche critica, pubblicista, traduttrice e attivista sociale. Oggi, 23 maggio, in occasione del 180° anniversario della sua nascita, ricordiamo la sua figura.

Nata nel 1842, Maria Konopnicka è considerata la più importante poetessa del periodo realista (anche se c’è chi critica la sua opera come grafomane). Già in vita era molto conosciuta e apprezzata: la leggevano, tra gli altri, Henryk Sienkiewicz e Stefan Żeromski, che la definivano la barda della loro generazione, e fin dall’infanzia era amica di Eliza Orzeszkowa, che contribuì alla pubblicazione delle opere di Konopnicka. Tuttavia, non sfuggì alle polemiche, alle controversie e alle dure critiche, soprattutto da parte dei circoli conservatori e del clero.

La poesia di Maria Konopnicka è piena di patriottismo. Credeva in Dio, cosa che traspare dalle sue opere, ma era un’oppositrice dell’istituzione della Chiesa cattolica. Pubblicò le sue prime poesie nel 1870. Ha iniziato a scrivere novelle dieci anni dopo, inizialmente ispirandosi a Prus e Orzeszkowa. Tra i più popolari ci sono „Nasza szkapa”, „Dym” e „Mendel Gdański”. In un periodo simile, ha iniziato anche la sua attività di revisione.

Protestò contro le ingiustizie sociali, ad esempio in „Rota”, pubblicato nel 1908, in cui si oppose alla politica di germanizzazione della divisione prussiana.

Com’era la sua vita?

È cresciuta a Suwałki e Kalisz, e in seguito ha studiato a Varsavia. Dopo il matrimonio, nel 1862, si stabilì nella tenuta del marito a Bronów. Durante i dieci anni di matrimonio ha dato alla luce otto figli. Tuttavia, non le piaceva il ruolo di casalinga, mentre il marito, a sua volta, non era entusiasta delle sue inclinazioni letterarie. Dopo la separazione, Konopnicka si stabilì a Varsavia con i figli.

Per il resto della sua vita viaggiò molto: in Austria, Italia, Germania, Svizzera e anche in Polonia, soprattutto quando i figli divennero indipendenti. Nel 1903, per il 25° anniversario della sua opera, la scrittrice ricevette in dono dalla nazione una casa padronale a Żarnowiec, vicino a Krosno. Viveva lì con Maria Dulębianka, pittrice e scrittrice. Alcuni ricercatori sostengono che gli artisti condividessero un’amicizia di lunga data, altri che fossero compagni di vita.

Konopnicka morì l’8 ottobre 1910 in un sanatorio di Leopoli a causa di una polmonite. Il funerale, senza la partecipazione del clero, raccolse folle e divenne una manifestazione patriottica.

Konopnicka oggi

Un busto (restaurato dopo la guerra) con l’iscrizione di un frammento della sua poesia „Al cimitero” è ancora visibile nel cimitero di Lychakiv a Leopoli. A Żarnowiec si trova il Museo Maria Konopnicka, che è possibile visitare anche virtualmente.

Anche se alcune opere per bambini sembrano troppo arcaiche per i più giovani, molte sono ancora popolari. Le generazioni successive sono cresciute con „Le avventure scolastiche di Pimpusio Sadełko” o „Stefek Burczymusze”. Anche le sue novelle sono entrate a far parte del canone delle letture scolastiche. Alcuni dei suoi testi sono disponibili su wolnelektury.pl, sito web di una fondazione che divulga la letteratura disponibile nel pubblico dominio e ne consente un accesso facile e universale.

 

Volete saperne di più?

Non solo Lech – Poznań

Non solo Lech – Poznań

Molte persone in Sardegna pensano soprattutto all’associazione sportiva Lech Poznań, ma da quando sono stati introdotti i voli diretti da Cagliari,...

Tradizioni natalizie sarde

Tradizioni natalizie sarde

Un detto molto conosciuto in Italia dice: "Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi". E infatti - anche in Sardegna - il Natale si trascorre con i...